mercoledì 29 aprile 2020

SAGGISTICA - PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA - CRESCITA PERSONALE

VOLERE X POTERE di STEPHEN SANDERS
Come sviluppare la volontà 


Stephen Sanders è esperto di cultura psichica, dell'auto-sviluppo e della crescita personale. Specialista nello studio delle Scienze Psichiche, studioso e sperimentatore di lunga esperienza, si occupa del settore paranormale da diversi decenni, approfondendone soprattutto le applicazioni pratiche, particolarmente per quanto riguarda la telepatia, la chiaroveggenza, la pranoterapia, l’ipnosi e in generale lo sviluppo del potenziale psichico umano. Ha pubblicato diversi libri con le Edizioni ISU, (Edizioni Istituto di Scienze Umane) fra cui: "Il Potere Mentale", "Autoipnosi Medica" e "Plasmare la Mente". 

Quest'opera, interamente dedicata alla comprensione e allo sviluppo attivo e consapevole della volontà, presenta uno studio approfondito dei suoi diversi aspetti e successivamente indica un cospicuo numeri di esercizi preposti ad esercitarla e ad esprimerla pienamente. Il suo obiettivo principale è formare dei veri e propri "cultori della facoltà volitiva".  
Capire, conoscere, educare, applicare la Volontà: l'opera di Sanders è un testo approfondito, colto e dettagliato, un vero e proprio manuale di psicologia applicata il quale, oltre alle numerose riflessioni e nozioni elargite a profusione, abbina suggerimenti, consigli ed esercizi pratici indispensabili nella formazione completa del proprio carattere e nell'intrinsecazione del principio volitivo in se stessi. 

L'uomo dispone di infinite risorse, di magnifiche energie naturali per sviluppare il suo modo di essere fisico, psichico, intellettuale e morale, ma in genere egli conosce imperfettamente queste forze. 
Uno degli studiosi che più si è dedicato a questo problema, e con migliori risultati, è William James che ha esposto il frutto delle sue ricerche in una ponderosa opera: Principi di Psicologia. I grande psicologo americano inizia il suo discorso sulla volontà con un concetto molto semplice. L'uomo (egli dice) desidera sentire, possedere, fare ogni sorta di cose che al momento non sente, non possiede, non fa. 
Traendo le conclusioni da questi concetti, sostenuti dal James e da altri ricercatori, possiamo dire che la volontà è il nome sotto cui si indica un complesso processo intimo che influenza il nostro comportamento...
L'uomo discorre con se stesso, introduce modi diversi di esprimere la sua situazione, si immagina le conseguenze di vari tipi di risposte, e cerca di valutare quanto ognuna di esse gli piacerà.  

I seguaci di Carl Rogers spingono il soggetto a rendersi conto da solo, ad avere fiducia nelle proprie capacità di autoanalisi. 
Le emozioni sono la nostra guida e la nostra salvezza. Esse però non possono nascere in modo astratto ma solo attraverso una decisa partecipazione ai fatti importanti e positivi. La miglior emozione è pur sempre quella affettiva, che non significa solo amore per una persona ma per i nostri simili, concentrata attraverso gesti di solidarietà e di comprensione verso gli altri. 
L'esistenza di ciascun uomo non è fatta di grandi risoluzioni ma di piccole scelte quotidiane: le uniche che formano il carattere e assicurano benessere e gioia di vivere. Anna A.

"La tendenza a giudicare gli altri è la più grande barriera alla comunicazione e alla comprensione. La più alta espressione dell'empatia è nell'accettare e non giudicare.
Il fine dell'educazione deve essere l'agevolazione del mutamento e dell'apprendimento". Carl Rogers

"L'arte di essere saggi è l'arte di capire a cosa si può passar sopra". W. James 

Augurandovi di cogliere il meglio da quest'opera e, più in generale, dal percorso della vostra preziosa esistenza, mi congedo inviandovi le mie benedizioni. S. Sanders






martedì 21 aprile 2020

ECONOMIA - GESTIONE AZIENDALE

MANAGEMENT di BRIAN TRACY 



Brian Tracy è un'autorità, riconosciuta a livello mondiale, nello sviluppo del potenziale umano e dell'efficacia personale.
È fondatore della Brian Tracy International, una società specializzata nella formazione e nello sviluppo di individui e aziende.

Brian Tracy è uno degli attuali Top Professional Speakers più affermati, i suoi corsi hanno coinvolto più di 500.000 venditori in tutto il mondo. Tra i suoi libri più famosi: Non fare lo struzzo, Le 100 leggi fondamentali del successo nella vita e nel lavoro, Gestione del tempo, La bibbia tascabile del venditore di successo e moltissimi altri ancora. 

"Management" Edizioni Gribaudi è una guida 
efficace poiché è fondata su tecniche collaudate. Essa, infatti, è in grado di aiutare le persone a "tirare fuori" il meglio da sé e dagli altri (sia nell'ambito personale che professionale). 

Secondo voi, qual è la qualità più importante per avere il successo negli affari? 
Ebbene i tre grandi uomini d'affari: Warren, Buffett, Bill Gates Jr. e Bill Gates Sr. hanno risposto all'unisono..."La focalizzazione". 

In un mondo pieno di distrazioni, dalle telefonate, alla posta vocale, agli sms, a Internet e alle persone che ti circondano, la capacità di concentrarti al massimo è assolutamente essenziale per il tuo successo. 
In effetti, tutte le forme di successo nella vita, derivano dalla capacità di concentrare il tuo tempo. 
La gestione del tempo, consiste di fatto nel rispondere a una sola domanda: "Qual è l'utilizzo più prezioso del mio tempo in questo preciso momento?" Forse la migliore definizione di gestione del tempo è "la capacità di scegliere la sequenza degli eventi". 

La regola del successo nel management è  "pensare sulla carta". Bisogna mettere per iscritto i propri target e identificare con la massima chiarezza gi obiettivi che si vogliono raggiungere. Più dettagliati sono gli obiettivi e i piani per raggiungerli, prima le persone possono mettersi all'opera e meglio possono svolgere il proprio lavoro. 
Spesso molte persone confondono i propri obiettivi con le attività e quindi vivono in confusione totale a discapito di sé stessi e della propria realizzazione sia personale che professionale. 

Bisogna creare uno spirito di squadra come insegna la Stanford Graduate School of Business che ha studiato per trent'anni le qualità necessarie per arrivare ai vertici di una grande impresa. I ricercatori hanno scoperto che tutti i CEO delle aziende incluse nella classifica Fortune 500 sembravano avere in comune due caratteristiche importanti.... una era la capacità di operare efficacemente nei momenti di crisi..."Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare". E l'altra caratteristica...Potete scoprirla studiando Brian Tracy!

Il segreto del successo per raggiungere i risultati è quello di conoscere e studiare le idee e le azioni dei grandi....
Manager di successo non si nasce ma si diventa... I grandi manager si fanno da soli lavorando costantemente su se stessi e si dedicano all'auto-miglioramento continuo con amore, pazienza, dedizione  non solo verso se stessi ma soprattutto verso gli altri.

La chiave del successo è quella di condividere l'amore per la vita e per tutto ciò che si fa...




L'onestà è la qualità più rispettata e preziosa della leadership. Mantieni sempre la tua parola.
E ricorda per avere successo nella vita bisogna iniziare dalla vita familiare, bisogna incoraggiare l'indipendenza dei propri figli. (Incoraggiali a cucinare, pulire, ed aiutare in casa!...) In questo modo diventeranno persone responsabili non solo nella propria vita familiare ma anche in quella professionale.  Anna A.

















mercoledì 1 aprile 2020

NARRATIVA - PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA - CRESCITA PERSONALE

ALIAS ESSERE UMANO di Igor Alessandro Cerri


Igor Alessandro Cerri, Italiano. Poliglotta e viaggiatore incallito. Dopo aver lavorato a Parigi, ha vissuto alcuni anni a Buenos Aires. Attualmente risiede a Vienna. Nel 2011 ha pubblicato in Italia il suo libro d'esordio: Nato a Buenos Aires (racconti). Nel 2013 ha invece visto la luce la sua prima novella corta: La Forma, il Vuoto e il Buio. 

"Alias Essere Umano" Edizioni Kimerik  è un'indagine psicologica. Attraverso la scrittura puntuale, quasi maniacale nella descrizione di ambienti e scenari mentali, l'autore affianca chi legge in un percorso nelle profondità dell'essere umano, in quell'entità "altra" e allo stesso tempo "medesima" con la quale ognuno di noi potrebbe identificarsi. 

La vita, la morte, il reale e l'onirico si mescolano nelle scene raccontate, catturando l'attenzione di chi, quasi inconsapevolmente, viene rapito e trasportato nell'universo psichico del protagonista. E' l'uomo a essere al centro della scena, nella sua totalità di istinto e ragione, di logos e pathos che sono costretti a convivere nella fisicità, in quell'involucro materiale in cui l'anima appare quasi prigioniera, ribellandosi a volte, dando sfogo a quell'"alias" in cui lo stesso protagonista talora non si riconosce.  
"Lì dentro" afferma l'autore, proprio nei meandri più profondi della psiche, "esiste un posto segreto, talmente nascosto che nemmeno l'inconscio ne dubita l'esistenza". 

Il testo descrive quattro TRASFORMAZIONI con i seguenti titoli:
PRIMA TRASFORMAZIONE: Il protagonista, "l'animale", si riflette deformato in superficie lucide e inaspettate. 
SECONDA TRASFORMAZIONE: Guardo gli oggetti, tanto li comprendo che quasi li assaggio con la mente. Sento che vorrei "uscire" dal mio corpo, specie quando i mio sguardo urta con la percezione "solida" delle cose. 
TERZA TRASFORMAZIONE: Fin dove possono arrivare le ombre?
QUARTA TRASFORMAZIONE: Mi disse: "Tanti decidono di suicidarsi con le droghe o con l'alcol. Io ho deciso di farlo vivendo".

L'Oblio dell'ESSERE. Secondo Heidegger la metafisica tende a nascondere (ovvero ricoprire) il sostrato originario dell'essere, per preoccuparsi unicamente dei fenomeni studiati dalla scienza. Di questa deriva, la scienza moderna sarebbe la più recente rappresentazione. Heidegger giunge alla conclusione che nel linguaggio (parola poetica) è l'essere che parla e l'uomo può essere solo pastore dell'essere. "Linguaggio è dimora dell'essere, qui abita anche l'uomo, pensatori e poeti sono guardiani di tale dimora". 
L'oscurità delle ultime riflessioni è causata dallo spostamento che va dal logos occidentale a una parola in grado di rievocare il mistero dell'essere.

Ad affascinarmi più di tutto è la psiche umana. Mi sembra che dentro vi sia qualcosa che non abbiamo mai capito e che forse non capiremo mai. E le radici del nostro malessere vanno ricercate in quest'oblio dimenticato dall'uomo. Anna A.