mercoledì 7 agosto 2019

BIOGRAFIA - SAGGIO SOCIETA' - DIARI E MEMORIE

A MANO DISARMATA di Federica Angeli 

Cronaca di millesettecento giorni sotto scorta 


 Federica Angeli, cronista di nera e
giudiziaria, scrive per "la Repubblica" dal 1998, dove è redattrice dal 2005. Dal 2013 vive sotto scorta. Tra i premi vinti, il Premio Passetti – Cronista dell’Anno nel 2012 e 2013, il Premio Donna dell’Anno (2015), assegnato dal sindaco di Roma, il Premio Articolo 21 (2015), Premio Francese (2015), Premio Piersanti Mattarella (2016), Premio Arrigo Benedetti (2017), il Premio Falcone e Borsellino (2016) e il Premio Nazionale Borsellino (2017). Per il suo impegno nella lotta alle mafie il presidente Mattarella nel 2016 l’ha nominata Ufficiale della Repubblica Italiana al Merito.
Ha pubblicato con Emilio Radice Cocaparty (2008) e Rose al veleno, stalking (2009), è coautrice di Io non taccio (2015) e autrice di Il mondo di sotto. Cronache della Roma Criminale (2016) 

"A Mano disarmata" (Ed. Baldini+Castoldi) è un libro da leggere per riscoprire la bellezza dell'onestà e della trasparenza, è un percorso, tortuoso e duro, che porta ad amare, con maggiore intensità, la libertà conquistata dopo aver lottato tanto... 
La bellezza di questo libro non risiede solo nell’aver descritto una grande inchiesta giornalistica, ma trova la sua dirompente maturazione nella capacità di portare il lettore nelle piaghe più profonde dell’animo della scrittrice.  
Il racconto della Angeli apre una finestra su un mondo malato, deviato, corrotto dalle mani lunghe di un male che sembra incurabile. 
Ma una cura c’è da entrambe le parti: da un lato il coraggio e dall'altro la conversione dei cuori: la via della pace vera. La vera conversione, dice Papa Francesco, avviene quando accogliamo il dono della grazia; un chiaro segno della sua autenticità dove ci accorgiamo delle necessità dei fratelli e siamo pronti ad andare loro incontro.

Queste pagine inducono a riflettere e  soffermarsi sui veri valori della vita, un libro che lascia il segno perché la parola è una delle armi che riesce a far riflettere su quali sono i veri malesseri esistenziali e sociali e come distinguerli da veri a quelli falsi.  
Ecco perché la mano della giornalista Angeli, pur essendo disarmata riesce a colpire gli animi umani che sono in cerca solo di verità, giustizia e amore.
La sua testimonianza puntuale, incalzante, senza respiro, non dimentica mai la sua dimensione di donna, di madre e di moglie contesa alla serenità familiare. Una serenità ispirata da "La Vita è bella" di Benigni,  "un gioco alla guerra" che la giornalista recita nel suo contesto familiare per tutelare la serenità dei suoi bambini. 
Una citazione di Luciano De Crescenzo esprime meglio il concetto nel film "Così parlò Bellavista" : (il poeta Luigino) che affermava..."Siamo angeli con un'ala soltanto, e possiamo volare solo restando abbracciati".
Tutti gli esseri umani possono scegliere di essere  angeli di luce o angeli delle tenebre,  c'è  chi sceglie di brillare e chi vuole offuscare la propria luce, forse inconsapevolmente o forse per convenienza, ma siamo comunque tutti capaci di brillare e far emergere  la parte più bella che esiste nel nostro cuore. Bisogna imparare ad amare incondizionatamente, imparare a riconoscere il significato della parola "bene", in forma universale.
Il Bene è dalla parte di chi ama la serenità e la pace, dopotutto siamo nati con un'anima pura,  ricca di amore e bontà  qualità ereditate sin dalla nascita. 
Siamo nati tutti da un'unica Sorgente che proviene da Dio, l'unica fonte di ricchezza che si può attingere illimitatamente fino alla fine dei nostri giorni...

La vita umana, quando non è "contaminata" dall'egoismo  e dalla cattiveria, può apparire e diventare bella e  degna di essere vissuta.
San Paolo affermava che "anche il creato sarà liberato dalla schiavitù della corruzione per partecipare alla libertà della gloria dei figli di Dio".
Noi siamo sempre amore in quanto potenziale illimitato, anche quando ci identifichiamo con le diverse circostanze che abbiamo incontrato e che ci sono sembrate tanto distanti dall'amore. Vivere coerentemente (con il cuore) ci permette di vivere con integrità e saggezza. 
L'umanità non può prosperare senza i contributi unici degli individui, quando smettiamo di alimentare il vecchio schema mentale e rivalutiamo le priorità dei valori dell'esistenza, riemergerà un nuovo modello di eroe che rifletterà la propria integrità. Questo amplificherà  i principi di coerenza, congruenza e integrità nell'azione trasformando la propria vita  e rendendola migliore. Secondo Whitehead, ogni evento è una combinazione unica di possibilità e realtà, pertanto, tutto può accadere attraverso una nuova "programmazione" mentale, una sintesi creativa in cui l'atto di scelta unisce il passato già deciso con il futuro non ancora stabilito. 
Il processo di mescolanza tra la possibilità e realtà, è la combinazione chiamata "concrescenza"(termine che indica il processo fondamentale dell'esistenza). Siamo tutti uniti e interconnessi sin dalla nascita con un unico filo conduttore sottile ma profondo: il filo del cuore. E' invisibile ma esistente, ha il potere di unire i cuori e trasformare le persone in veri guerrieri, o meglio dire...  "Eroi di Valori"! Anna A.

"La nostra nuova realtà attende le nuove impronte collettive del cuore" Melissa Joy Jonsson

"Il Valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto dà e non in base a quanto è in grado di ricevere". Albert Einstein 

"Siamo tutti creature dello stesso creatore, e perciò siamo realmente tutti fratelli e sorelle". Dalai Lama

"Eppure, non ci crederete, ma è proprio nei vostri luminosi sorrisi scanzonati, nella purezza dei vostri occhi, nella tenerezza dei vostri abbracci... che ho trovato la forza di oltrepassare il terrore..... ". Federica Angeli 

I diritti di questo libro sono stati acquistati dal regista Claudio Bonivento che ha trasformato l'incredibile storia di Federica Angeli in un film.