martedì 14 novembre 2017

MIGLIORARE SE STESSI - SPIRITUALITA'

RIPRENDIAMOCI LA VITA di Derio Olivero 




Derio Olivero, appassionato di arte, fotografia, montagna. Prete. Appassionato dei giovani. Varie esperienze alle spalle: docente di teologia, parroco. Ora è vicario generale per la diocesi di Fossano (Cuneo).

"Riprendiamoci la vita" (recentemente ristampato dall'editrice Effatà di Cantalupa) è un libro che parla ai cuori, con intelligenza e arte. 


Don Derio, amico caro nell'evangelizzazione, regala a tutti queste riflessioni che per vent'anni hanno aiutato migliaia di giovani della sua amata Chiesa a scoprire Cristo e a farsene discepoli. Fa dono del suo dono.  Paolo Curtaz 


Un grande pensatore Charles Taylor, dice: "La tua vita non è banale soltanto se qualcosa di esterno diventa essenziale". Qualcosa come la natura, come un'altra persona, come il tuo lavoro, come il buon Dio: se qualcosa di esterno ti diventa essenziale, come l'aria che respiri, solo così la vita non è banale, altrimenti non è esistere, perché esistere in latino vuol dire: "venite fuori". Che cosa vuol dire vivere? "Venir fuori", perché finché stai dentro non succede nulla. 
Vivere significa avere sempre possibilità aperte. "Possibilità" significa godere di ciò che puoi fare, non di ciò che fai. La vita è soprattutto percorrere la soglia: uscire, entrare, riuscire per incontrare le cose della vita. Il poeta dice: "Mi accorgo sovente di stare sulla soglia come se ci fosse vicino un confine, un fiato, un tenue filo". Quando esci e incontri la vita, sovente incontri un confine da superare, perché l'altro è diverso da te...
L'altro è un confine da attraversare, quando abbracci qualcuno, in ogni abbraccio c'è sempre un momento in cui stai zitto e senti il respiro dell'altro che mescola la sua vita alla tua. Questa è vita. E trovi un tenue filo. 
Al mattino, quando ci infiliamo le scarpe, chiediamoci: "Con quale spirito sto uscendo oggi di casa?" 
Ecco un suggerimento folgorante di Stevenson:" Non misurare la tua giornata in base ai successi ottenuti, ma in base ai semi gettati, ai doni fatti". Cambia molto la prospettiva chiedendoci..."Oggi che cosa ho donato?" 
Se offri anche solo un bicchiere d'acqua non perderai la tua ricompensa... 

Ama e troverai quello che cerchi. Se ami vuol dire che ti sei messo in movimento. Se ami non sei più solo sul cammino. Se ami la vita non è mai persa. Dunque se ami trovi la verità di te. Partecipare è innanzitutto amare. Senza fare troppi calcoli. Certo, amare spaventa. Ma c'è una notizia molto confortante: l'amore è un'apertura di credito sul tuo conto. 

Oltre ad apprezzare le cose e le persone che sono intorno a te...cerca di FARE DEL BENE... Fare del bene significa...Prendersi cura delle  persone, delle cose, e non solo "usarle". Prendersi cura significa apprezzare, rispettare, custodire e servire.

Diceva Marco Aurelio: "Ogni tanto cerca le cose più preziose della tua vita e chiediti quanto le cercheresti se non le avessi!"  Anna A. 

"Vivi! E' veramente buono battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa! La vita è troppo bella per essere insignificante" Charlie Chaplin 

La realtà senza sogno è come una penna senza inchiostro. Massimo Gramellini 












Nessun commento:

Posta un commento