giovedì 6 ottobre 2016

GUIDE PER GENITORI ED EDUCATORI - BAMBINI E GENITORI

COME FAR FARE I COMPITI AI BAMBINI di Sabrina Salmaso


Sabrina Salmaso  ha una laurea in Scienza della formazione e Master di specializzazione in Pedagogia Clinica, lavora da molti anni sulle problematiche relazionali e comportamentali dei bambini all'interno delle famiglie e difficoltà di apprendimento in ambito scolastico (problemi nella sfera della scrittura, della lettura, del calcolo e del linguaggio). email: sabrinasalmaso@gmail.com 

Presto sarà attivo questo sito: www.rispostepedagogiche.it  dove potete trovare informazioni dettagliate su: 

- Come farsi ascoltare dai propri figli
- Come insegnare loro a dormire la notte in autonomia
- Nuove strategie per renderli autonomi nel momento dei compiti 
- Come relazionarsi con i figli adolescenti
- Come gestire televisione e videogiochi
- Come insegnare i figli a riconoscere e vivere momenti di rabbia e di frustrazione
- Come motivare i bambini
- Come superare le diverse paure 
- Come insegnare ai figli un sereno e sano rapporto col cibo
E molto altro...


"Come far fare i compiti ai bambini" (Edizioni Sì  www.edizionisi.com )
è un libro che dà una serie di consigli, la cui efficacia è stata sperimentata in numerose situazioni, per far diventare il momento dei compiti un'occasione serena di crescita sia per i figli che per i genitori. 

L'obiettivo di questo libro è quello di fornire strategie e tecniche valide per poter far diventare  i nostri piccoli eroi dei veri e propri campioni non solo scolastici ma anche eroi della propria vita. 
Ed è questo l'inizio della "dura lotta" fra il nostro "piccolo eroe" e la "familiare voce rassicurante" (genitore) il cui scopo non è quello di fornire armi contro il nostro piccolo eroe, ma quello di suggerire delle efficaci strategie per farlo suo alleato, stare bene insieme a lui e aiutarlo a portare a termine la sua avventurosa impresa scolastica. 

Il libro è formato da 8 REGOLE da adottare per la riuscita di questa impresa "avventurosa": 

PRIMA REGOLA: rompere le solite dinamiche. Il cambiamento dei genitori genera il cambiamento del figlio. 
SECONDA REGOLA: giochiamo almeno venti minuti con nostro figlio. Prima di pretendere dai nostri bambini che si mettano a fare i compiti cerchiamo di ricaricarli, perché a scuola senza dubbio si sono scaricati. Attraverso il gioco i bambini si equilibrano, si caricano, si sfogano, si tranquillizzano, risolvono stress, problemi e pensieri accumulati a scuola. 
TERZA REGOLA: come interrompere il gioco. E' importante che noi genitori riusciamo a far rispettare le regole, e con concordare come un gioco il tempo da dividere tra gioco e compiti. 
QUARTA REGOLA: organizzare lo svolgimento dei compiti insieme a nostro figlio.
QUINTA REGOLA: essere rigidi con gli accordi stabiliti e concordati, ma morbidi con nostro figlio.
SESTA REGOLA: alleniamo nostro figlio a cercare le soluzioni da solo (alleniamolo all'autonomia).
SETTIMA REGOLA: sperimentare diverse modalità di organizzazione per arrivare a scoprire quale sia quella migliore per nostro figlio. 
OTTAVA REGOLA: lavorare per aumentare la capacità di apprendimento di nostro figlio.

L'obiettivo di questo libro è quello di dare degli strumenti ai nostri bambini per affrontare i momenti di svogliatezza e di stanchezza, per aiutarli a fare ciò che si deve fare anche quando non se ne ha voglia. 
Applicando i suggerimenti descritti in questo libro, proponiamo ai nostri bambini delle soluzioni ai momenti di difficoltà, li facciamo divertire, creiamo apprendimento, sviluppiamo la loro memoria e creiamo una relazione con loro in completa empatia. 
I bambini imparano per imitazione, non con la predica, non con le parole, ma con l'esempio di un comportamento concreto. 

"E' responsabilità del maestro (o anche dei genitori) creare una nuova generazione che trasformi la struttura sociale allontanandola dalla preoccupazione assoluta di ottenere i mezzi di sussistenza.   J. Krishnamurti 

"Allevare i bambini è un'impresa creativa, un'arte più che una scienza". Bruno Bettelheim 

"E' più facile "costruire" bambini forti che riparare "uomini rotti". Frederick Douglass

Il bambino è come un viaggiatore che osserva le cose nuove e cerca di capire il linguaggio sconosciuto di chi lo circonda.
Bisogna guidare il bambino senza soffocarlo e nel contempo dimostrare l'amore e la comprensione senza viziarlo.  
La fiducia in sé stessi e la serenità sono qualità essenziali delle quali i bambini hanno bisogno per diventare adulti emotivamente stabili ed equilibrati. Anna A. 











Nessun commento:

Posta un commento