mercoledì 30 novembre 2016

SPIRITUALITA' - MEDITAZIONI QUOTIDIANE

IL LIBRO DELLA VITA di Jiddu Krishnamurti 

Jiddu Krishnamurti è nato in India nel 1895, è stato un noto maestro spirituale che ha ispirato milioni di persone con i suoi insegnamenti. E' stato definito da Dalai Lama uno dei più grandi "pensatori" della nostra epoca. Il suo insegnamento tocca un'infinità di argomenti. La sua era una osservazione continua della condizione umana, nella quale tutti gli aspetti della vita sono strettamente connessi tra loro. I brani raccolti nel "Libro della Vita" trattano un argomento specifico per ogni settimana dell'anno e ogni argomento viene sviluppato per sette giorni. 

"Il Libro della Vita" (Edizioni Il Punto d'Incontro")  contiene 365 meditazioni quotidiane su argomenti come la Libertà, la Trasformazione dell'essere umano, il Vivere la Vita in piena consapevolezza. 
Nel 1934 Krishnamurti disse: "Perché volete studiare sui libri invece di studiare la vita? Scoprite che cos'è vero e che cos'è falso nell'ambiente in cui vivete, che è opprimente e crudele. Solo così scoprirete la verità". Il primo libro di Krishnamurti che ebbe una grande diffusione fu "Education and the Significance of Life", scritto a Ojai, in California, venne pubblicato nel 1953 da Harper & Row, l'editore che avrebbe continuato per oltre trent'anni a pubblicare in America gli scritti di Krishnamurti. 

La sua esplorazione della natura della verità e della libertà, portata instancabilmente avanti nei suoi discorsi e nei suoi dialoghi, avrebbero raggiunto milioni di persone. 
I suoi discorsi sono stati tradotti in più di quaranta lingue diverse. Fondamentalmente, ha sempre sviluppato un unico tema: la verità può essere scoperta da ognuno di noi, senza l'intermediazione di alcuna autorità. E questa scoperta può essere fatta istantaneamente, perché la vita è in ogni istante. 
Un'infinità di volte Krishnamurti, nei suoi discorsi ha sottolineato il fatto che a lui non interessavano speculazioni intellettuali. 
Lo scopo di questi discorsi (diceva) è di comunicare tra noi e non di imporvi determinate idee. Le idee non cambieranno mai la mente; non sono assolutamente in grado di trasformarla radicalmente. Ma se potessimo comunicare tra noi, essendo nello stesso istante allo stesso livello, allora forse potrebbe esserci una comprensione che non c'entra nulla con la propaganda... 

"Il Libro della Vita" è così articolato: 
GENNAIO: ASCOLTARE, IMPARARE, AUTORITA', AUTOCONOSCENZA
FEBBRAIO: IL DIVENIRE, LA FEDE, L'AZIONE, IL BENE E IL MALE
MARZO: DIPENDENZA, ATTACCAMENTO, RELAZIONE, PAURA
APRILE: IL DESIDERIO, IL SESSO, IL MATRIMONIO, LA PASSIONE
MAGGIO: INTELLIGENZA, SENTIMENTI, PAROLE, CONDIZIONAMENTO
GIUGNO: ENERGIA, ATTENZIONE, CONSAPEVOLEZZA, VIOLENZA
LUGLIO: LA FELICITA', LA SOFFERENZA, LE OFFESE, IL DOLORE
AGOSTO: VERITA', REALTA', OSSERVATORE E OSSERVATO, QUELLO CHE E'
SETTEMBRE: INTELLETTO, PENSIERO, CONOSCENZA, MENTE
OTTOBRE: TEMPO, PERCEZIONE, CERVELLO, TRANSFORMAZIONE
NOVEMBRE: VIVERE, MORIRE, RINASCERE, AMARE
DICEMBRE: SOLITUDINE, RELIGIONE, DIO, MEDITAZIONE


SAPER ASCOLTARE
Ascoltare è un'arte che non è facile acquisire, ma che porta con sé bellezza e comprensione profonda. Impariamo ad ascoltare, questa è l'arte che ci insegna Krishnamurti, ascoltiamo dalle profondità del nostro essere, ma il nostro ascolto è sempre alterato da preconcetti o dai nostri particolari punti di vista. 
Per poter ascoltare ci deve essere calma dentro di noi, un'attenzione distesa, un'attenzione profonda. Ascoltare diventa importante quando smettiamo di proiettare i nostri desideri, l'atto di ascoltare è completo in se stesso; il semplice atto di ascoltare porta con sé la libertà. 

Ma per essere liberi bisogna essere profondi, e possedere una mente umile. La mente umile è una mente intelligente che si interessa a se stessa senza diventare egoista; è una mente attenta e consapevole. Ma questa libertà richiede un duro lavoro che va fatto ogni giorno, ogni ora, ogni minuto... E' un lavoro che non conosce tregua, perché la libertà non può essere ottenuta tanto facilmente, è un percorso quotidiano da conquistare dolcemente.

La vita è un continuo susseguirsi di sfide e reazioni. La sfida è sempre nuova, ma la risposta è sempre vecchia. Questa risposta che costituisce il nostro condizionamento e che proviene dal passato, deve essere compresa e non sottoposta a certe regole o condannata. La vita richiede di essere vissuta ogni giorno in modo nuovo, pieno, completo. Ma vivere con questa pienezza è possibile solo quando c'è amore, quando il cuore è colmo, non di parole o di cose inventate dalla mente. Quando c'è amore la memoria tace; allora è come rinascere in ogni istante. 

Se vogliamo capire tutta la portata delle influenze che subiamo, l'influenza dell'esperienza, della conoscenza ecc. è necessaria una tremenda chiarezza di percezione, una profonda capacità di vedere le cose come sono e percepire la bellezza della vita in tutte le sue sfumature: bisogna imparare a MEDITARE. 
La meditazione fiorisce nella bontà e può nascere soltanto da un cuore generoso poiché essa è la fioritura della bontà. Quando impareremo a meditare profondamente, comprenderemo l'intero processo dell'esistenza e l'importanza della conquista della concreta libertà.  Anna A. 









Nessun commento:

Posta un commento