mercoledì 4 marzo 2015

RIFLESSIONE QUOTIDIANA


IL PERDONO : perchè conviene praticarlo? 




Il perdono fa bene alla salute, è una vera "pillola" della salvezza personale. Soprattutto per  chi lo concede. Migliora la sua salute psichica e può essere anche una terapia per cacciare via, quando si presentano, molti fantasmi della mente. È provato: PERDONARE CONVIENE. 
Il perdono viene considerato uno strumento terapeutico di eccezionale efficacia, perchè, se usato correttamente, disintossica corpo, mente e spirito. 
E come disse Gesù sulla croce: "Dio, perdona loro perché non sanno quel che fanno"....
Ma quali sono gli effetti del perdono? Posso garantirti che sono tanti, in primis ci sarà un cambiamento della tua salute, si riacquisterà  quella pace e serenità interiore che non si riconosceva attraverso l'odio, il rancore e la rabbia. Inoltre, perdonando,  si verificano cambiamenti straordinari nella tua vita e, allo stesso tempo diventi una persona migliore. Diciamo subito che la psicologia del perdono è scienza recente, è un processo formato da quattro fasi: la prima è riconoscere l'offesa (sia grande o piccola che sia), la seconda è decidere di perdonare, (bisogna decidere di superare il desiderio di vendetta  e annullare la rabbia accumulata), la terza fase è quella di lavorare sul perdono (in pratica si cerca di "indossare i panni" dell'altra persona: comprenderne i motivi ).  La quarta fase è perdonare e approfondire il senso del perdono e le sue conseguenze, questa fase non si limita solo a perdonare chi ha offeso, ma migliorerà il nostro equilibrio riacquistando quella purezza interiore. 
Il perdono dunque è un vero e proprio balsamo salutare  perchè oltre a creare  le condizioni per un approccio positivo alla vita permetterà di  recuperare e conservare quel benessere psico-fisico globale in modo incondizionato perchè purificato. 
E' scientificamente  provato che PERDONARE FA BENE alla SALUTE perchè, oltre ad allungare la vita, ci farà assaporare la gioia,  la pace e la serenità infinita!!! 




Nessun commento:

Posta un commento