lunedì 4 aprile 2016

PATOLOGIE E MALATTIE


ANTICANCRO di David Servan-Schreiber

PREVENIRE E COMBATTERE I TUMORI CON LE NOSTRE DIFESE NATURALI 


David Servan-Schreiber ( 1961 - 2011) brillante neuroscienziato psichiatra e ricercatore di fama internazionale. E' stato condirettore del laboratorio clinico di Neuroscienze Cognitive presso l'Università di Pittsburgh. Ha raggiunto la notorietà per aver proposto un metodo di cura basato su tecniche terapeutiche di medicina alternativa. 
Ha combattuto il cancro al cervello che l'aveva colpito a soli trent'anni, decidendo poi di raccontare in questo libro la sua diretta esperienza. 

"ANTICANCRO" è un libro che illustra alcuni metodi naturali di cura che contribuiscono a prevenire lo sviluppo dei tumori o a facilitarne il trattamento con approcci convenzionali come la chirurgia e la  radioterapia. 
Dalla pubblicazione della prima edizione di "Anticancro", numerosi studi hanno ribadito il messaggio di fondo sull'importanza della disposizione interiore, o "terreno", nella prevenzione e il controllo del cancro. 

"Io ho avuto un cancro diagnosticato una prima volta diciassette anni fa e trattato con metodi classici. Poi ho avuto una recidiva, ed è stato allora che ho deciso di spingermi oltre le terapie convenzionali per studiare tutto ciò che potesse aiutare il mio corpo a difendersi. Come medico, ricercatore e direttore del centro di Medicina integrata all'Università di Pittsburgh, ho avuto la fortuna di poter accedere a informazioni preziose sui metodi naturali che si sono rivelati utili per prevenire o curare il cancro. Da sette anni, ormai, mi considero guarito, e con questo libro intendo raccontare tutto ciò che ho imparato nella mia vicenda dal punto di vista umano e da quello professionale." D. Servan-Schreiber  

Ecco che cosa ho imparato in questo percorso: Se tutti ospitiamo dentro di noi delle cellule cancerose silenti, è altrettanto vero che il nostro corpo ha le armi per neutralizzare il processo di formazione dei tumori. Sta a noi servircene, e lo dimostra il fatto che culture diverse dalla nostra ci riescono molto di più brillantemente. Per esempio, i tumori più diffusi in Occidente, come quelli al seno, al colon o alla prostata, in Asia sono da sette a settanta volte meno frequenti. 

La prima parte del testo presenta un nuovo punto di vista sui meccanismi del cancro. Il fulcro è costituito da tre elementi: il ruolo essenziale, ma ancora poco conosciuto, del sistema immunitario, la scoperta dei meccanismi infiammatori che stanno dietro la crescita tumorale e la possibilità di bloccare lo sviluppo della neoplasia impedendone la vascolarizzazione. 

DIVENTARE  UN "PAZIENTE": SALVARSI LA VITA FINO IN FONDO...

Tutti abbiamo bisogno di sentirci utili agli altri perché così alimentiamo la nostra anima, se questa necessità non viene soddisfatta proviamo un dolore tanto più straziante quanto più la morte si avvicina. 
Quando si combatte contro un cancro, l'organismo è impegnato in una guerra totale, le cellule tumorali si comportano né più né meno come bande armate che non guardano in faccia nessuno, libere come sono ai vincoli sociali che caratterizzano il fisico sano. Ci sono però alcune circostanze in cui quelle "orde barbariche" perdono il loro slancio: 1) quando il sistema immunitario si mobilita per sconfiggerle; 2) quando il corpo umano rifiuta di produrre l'infiammazione senza la quale non possono crescere né invadere nuovi territori; 3) quando i vasi sanguigni si rifiutano di moltiplicarsi e di garantire l'approvvigionamento indispensabile allo sviluppo di una massa. 

LA MENTE ANTICANCRO:  Il legame tra corpo e spirito.

Dopo tante riflessioni, letture e conversazioni con specialisti, sono giunto ad alcune conclusioni che vorrei ora esporvi, perché penso possano servire a evitare la malattia, o ad affrontarla con più frecce al proprio arco. Anzitutto, in genere occorrono dai dieci ai quarant'anni perché l'anomalia in una cellula (il seme) diventi un tumore maligno diagnosticabile. 
Ecco l'elenco delle piccole e grandi cose che cambiano la vita: 
PROTEGGERSI evitare i prodotti  chimici industriali (es: evitare pesticidi e insetticidi, non utilizzare detergenti chimici, evitare cosmetici contenenti parabeni e ftalati; non usare prodotti di bellezza contenenti estrogeni o ormoni placentari.
MANGIARE E BERE consumare alimenti naturali, possibilmente frutta e verdura freschi e di stagione, bere molta acqua ed evitare bibite gassate e zuccherate. 
RIEQUILIBRARE LA PROPRIA ALIMENTAZIONE riducendo zuccheri, farine bianche 
PRENDERSI CURA DEL CORPO fare da 20 a 30 minuti al giorno di attività fisica quotidiana. Prendere il sole 20 minuti al giorno quando possibile per produrre vitamina D. 
MEDITARE praticare tecniche di concentrazione e di rilassamento: yoga, coerenza cardiaca, meditazione consapevole, TAI Chi ecc. 
LIBERARSI DAI SENTIMENTI NEGATIVI risolvere i traumi del passato, accogliere le proprie emozioni, possibilmente trovare qualcuno con cui condividere le proprie emozioni e le proprie paure ed ansie. 

La medicina moderna diventerà una medicina davvero scientifica solo quando medici e pazienti avranno imparato a mettere a frutto le forze dell'organismo e della mente che agiscono grazie al potere di guarigione della Natura. 
Tutti possiamo ricavare il massimo vantaggio da questa rivoluzione nella conoscenza del cancro, ma ciò presuppone innanzitutto una "rivoluzione nella nostra coscienza". In primo luogo, dobbiamo riconoscere il valore e la bellezza della vita  che è in noi, prestarle attenzioni e cure come faremmo con un bambino affidato a noi, ma soprattutto bisogna irradiare l'amore e la passione per la vita in qualsiasi contesto quotidiano,  non solo familiare, ma anche quello sociale. Bisogna  contribuire anche con piccole azioni trasmesse con amore, solo così si potrà percepire la vera gioia e riequilibrare e migliorare qualsiasi ferita e situazione.   Anna A. 













Nessun commento:

Posta un commento