sabato 25 giugno 2016

LETTURE - BIOGRAFIE

              DOPO DI TE   di  SIMONA ATZORI                                


Simona Atzori  è nata a Milano nel 1974 da genitori sardi. E' una ballerina, pittrice e scrittrice italiana. Pur essendo senza braccia, non si è mai persa d'animo ed ha intrapreso sin da giovane l'attività di pittrice e di ballerina classica. Nel 2001 si è laureata in "arti visuali" alla University of Western Ontario a London (Canada). Ha scritto anche un altro libro: "COSA TI MANCA PER ESSERE FELICE? "(nel 2011 con nuova ristampa nel dicembre 2015). 


"DOPO DI TE" (Mondadori) è un libro autobiografico dove Simona racconta (con parole toccanti) le emozioni del distacco dalla sua cara mamma. 
"Le ho scritte queste parole per dirle di come sono passata attraverso il mio dolore, cercando di essere all'altezza del suo esempio".

La perdita della mamma di Simona diventa simbolo estremo di tutti i lutti, un insegnamento ricco di tanto amore che riesce a trasformare qualsiasi dolore.

Simona che, con semplicità e naturalezza ha raccontato la sua storia in questo libro, riesce ad esprimere se stessa con valore e "freschezza" sussurrando con la "voce del cuore" il vero senso della vita: la sua vita.
Una vita ricca di amore, che attraverso la sua "particolarità" ci insegna e ci proietta verso una vita migliore. 


"Dopo di te" vuole essere il racconto "intimo" di questa sua ultima fase di vita , ma ha voluto anche ripercorrere degli anni del suo e del nostro passato. 
Simona infatti "ha toccato" con delicatezza temi che coinvolgono tutti: dall'essere bambina, a sentirsi figlia, allo stare in famiglia, ha cercato di riportare ogni sfaccettatura della nostra vita quotidiana, con le sue difficoltà, cercando di sottolineare la figura di una donna una vera donna (sua madre), che non si è mai arresa di fronte alle difficoltà, che ha scelto di non abbattersi né quando è nata lei, né quando ha dovuto affrontare la sua malattia. 
Una donna, una madre che insegna ad amare la vita, che insegna ad avere il coraggio di affrontare qualsiasi cosa, una madre che le insegna di non mollare mai, e di essere fiera e felice di ciò che possiede, una madre che le lascia il dono delle "ali" che le insegna veramente a volare. 
Una madre che le ha insegnato ad essere umile, poiché l'umiltà coincide con le parole: sincerità e verità.  
Quando cominciamo a prendere veramente coscienza di quello che siamo, delle nostre abitudini, dei pregiudizi, dei nostri limiti, ma anche dei doni che abbiamo, siamo all'inizio di una trasformazione del nostro cuore. 

"Mia madre mi ha sempre insegnato ad amare la vita, e mi ha dato tutti "gli strumenti" necessari per affrontare il "dopo di te", una condizione di vita che riguarda non solo le persone malate, ma tutti i figli in generale". 
"Le sue braccia sono rimaste in cielo, la mia normalità agli occhi degli altri è straordinarietà, ma vi assicuro che questo è la mia ordinarietà, il mio modo di vivere". Simona Aztori 

"I limiti sono solo negli occhi di chi ci guarda....di chi non conosce il vero senso della vita, di chi non sa amare se stesso e non conosce il valore del dono ricevuto. La vita è un dono inestimabile, impariamo ad AMARLA! 
Anna A.   



















Nessun commento:

Posta un commento