venerdì 18 maggio 2018

MAESTRI SPIRITUALI - RELIGIONE E SPIRITUALITA'


IL MISTERO DELLE NOZZE DI CRISTO di GIANNI PASSARELLA 


Gianni Passarella laureato in studi biblici a Milano e in Spiritualità a Roma, è spiritual counselor, public speaker e ricercatore. Content creator e collaboratore di riviste di spiritualità, è autore di numerosi libri di successo tra cui: "Spiriti Guida", "Amore incondizionato", "Angeli. Ispirazioni quotidiane", "La dinamica del Logos", "In cammino con Luca" e "Storie della Buona Notte con gli Angeli"

La lettura di questo libro: "Il mistero delle nozze di Cristo" (EIFIS EDITORE) ti farà risolvere qualche mistero o dubbio circa la conoscenza di alcune verità del Vangelo e ti permetterà di cogliere quel segreto che è stato intelligentemente nascosto e custodito tra le righe... scritto da Giovanni, il discepolo più intimo di Gesù. 
A chi si accosta a questo Vangelo per una prima lettura non può sfuggire il fatto che Gesù venga identificato nello "sposo". L'artefice è Giovanni il Battista, il quale nel quadro della narrazione del Quarto Vangelo svolge il ruolo mirabile del testimone che è chiamato a far luce sull'identità e sul mistero di Gesù. 
Studi recenti lo hanno messo ulteriormente in luce, deducendo dei risvolti e delle implicazioni nuove che hanno aiutato a cogliere ancora meglio il carattere sponsale che fa da sfondo al Quarto vangelo.

Tra questi studiosi siamo lieti di annoverare anche Gianni Passarella. Con intuizione e competenza ha saputo cogliere un tratto nuziale in un passo che apparentemente sembrava non darne adito. Il pregio non è stato soltanto quello di riconoscerlo e di farlo affiorare, ma anche quello di tradurlo e comunicarlo con una modalità e un linguaggio accessibili a tutti.

Ma cosa significa "Nozze di Cristo"? 
Il messaggio è questo...Gesù ti AMA e ti invita a sentire che il suo AMORE non ha limiti, che sarebbe disposto a tutto per te. Come un vero sposo con la sua adorata sposa. Esattamente come racconta sin dall'antichità il libro del "Cantico dei Cantici". 

Il Cantico è il dialogo dello sposo e della sposa che si cercano, si chiamano, all'improvviso si separano, poi si avvicinano l'uno all'altra e coronano le loro nozze. 
In questo racconto l'immagine degli innamorati è in "fase attiva" essa infatti tende a modellare la mente umana e cerca di plasmare la focalizzazione generale del concetto dell'amore non solo inteso a carattere individuale ma che va ampliato e perfezionato anche a carattere universale. 

Nel desiderio dei due giovani descritti dal Cantico, Giovanni vuol farti intravedere il compimento di un rapporto d'amore quello che esiste tra Dio e le creature. Esso si realizza solo in un modo del tutto speciale: donare se stessi! 
L'amore sponsale di Cristo per l'umanità rappresenta l'espressione massima della donazione per ogni essere umano: questo è l'insegnamento che viene espresso nel Vangelo, molto spesso non viene compreso. 

L'amore deve essere quotidiano e illimitato, deve abbracciare il mondo intero, deve lasciare un'impronta e deve colpire ogni cuore: da quello più restio, a quello più facile. 
Il messaggio di questo capolavoro è proprio questo (a prescindere dall'amore sponsale), bisogna amare sempre...
AMA incondizionatamente, DONA generosamente, VIVI con fede profonda, IRRADIA gioia e serenità....ILLUMINA le menti prigioniere, AIUTA se puoi con azioni concrete,  non solo quelle materiali...
Sii presente nella vita delle persone care soprattutto quelle che non "ti piacciono" e che non riesci a "digerire"! Prenditi del tempo... Avvicinati ai nemici...
Prima o poi vedrai diventeranno tuoi amici! 

Condividi con tutti, ma non competere con nessuno, (solo con te stesso). VIVI e LASCIA vivere, vedrai che prima o poi la vita ti sorprenderà e ti conquisterà!   Anna A. 








Nessun commento:

Posta un commento